testata grande2

Arte e Spettacolo

IL TOPOS DELLA ROSA DAL MONDO ANTICO AI GIORNI NOSTRI 

rosa

 

 

La rosa, fiore misterico dai molteplici significati, ha assunto diverse valenze sin dall’alba dei tempi come sinonimo di bellezza, amore, sensualità, ma anche purezza e rinascita. È diventato uno dei fiori di cui, ricorrendo in ambito artistico e letterario, si abbia testimonianza fin dall’antichità come vero e proprio topos della poesia in analogia con la donna e con l’amore.

                                                        

IL FILM DI GUILLERMO DEL TORO CONQUISTA TUTTI

shape water

 

Usa, 2017

Genere: Drammatico, fantasy, sentimentale

Durata: 123 minuti

Regia: Guillermo del Toro

Distribuzione: 20th Century Fox

Cast: Sally Hawkins, Doug Jones, Richard Jenkins, Michael Shannon, Octavia Spencer, Michael Stuhlbar

C’è chi riesce ad andare al di là, c’è chi nella diversità ritrova la propria identità: questo sussurrano le scene del film, vincitore di quattro premi Oscar, dal titolo “La forma dell’acqua”, realizzato dal regista e sceneggiatore messicano Guillermo del Toro. Un mondo, quello messo in scena, dove diversità e mostruosità costituiscono un binomio inscindibile, il nucleo essenziale attorno al quale il film si avvolge. E così il “diverso” e il “mostruoso” emergono prepotentemente dalla storia e dai personaggi del film, ambientato nell’America percorsa dalla Guerra Fredda. Elisa, donna affetta da mutismo e addetta alle pulizie in un laboratorio segreto, vive la sua diversità insieme ai suoi unici amici: la collega Zelda, donna afroamericana, e il vicino di casa Giles, artista omosessuale. Ma il normale scorrere dell’esistenza di Sally Hawkins, nei panni di Elisa, viene turbato dall’incontro con una creatura anfibia, della quale si innamora, in virtù della sua profonda sensibilità e di una comprensione che trascende qualsiasi parola. L’amore tra i due, la condivisione della propria essenza è capace di oltrepassare qualsiasi esteriorità, ha il potere di vedere nell’altro la completezza di sé stessi e della propria “anormalità”. La totalità, che ognuno di noi ritrova nell’altro, è delineata dalla semplice quanto armoniosa poesia con cui si chiude il film: <<Incapace di percepire la forma di Te,/ ti trovo tutto intorno a me./ La tua presenza mi riempie gli occhi del tuo amore,/ umilia il mio cuore,/ perché tu sei ovunque>>. L’altro diventa dunque l’infinito da attraversare, così come il mostro si trasforma nella creatura meravigliosa da ammirare, non più emblema dei lati cupi della nostra anima. I veri mostri si nascondono tra noi, tra i “normali”, incapaci di amarci, apprezzarci per ciò che siamo, intenti sempre a ferire. Una poetica della condivisione di sé stessi è al centro del capolavoro di del Toro, la fantasia il mezzo per rappresentare la crudeltà dei nostri pensieri e la mancanza di puri slanci emotivi. Non a caso il regista afferma: «Quando le persone dicono “Oh, la fantasia è una grande via di fuga”, io sono solito rispondere “Non credo”. La fantasia è un grande modo per decifrare la realtà». E proprio la visione lucida della realtà è al centro del film, accompagnata dalla bellezza di un rapporto che travalica le apparenze e guarda dritto al sentire universale. Sappiate vedere nel cuore dell’altro, sappiate scovarne la tenerezza, il dolore, la mancanza di completezza, sappiate osservare e comprendere, sappiate guardare le scene di questo film per imparare a conoscere l’altro, il diverso che colma il vuoto dell’anima.

                                                                                                                Alice Rizzo, IIIA Quadriennale

Articolo inviato dal prof. Flavio Nimpo

C’ERA UNA VOLTA IL TEMPO

images

 

Si dice “Chi ha tempo non aspetti tempo”, “Il tempo vola o è denaro”. Lo troviamo riportato sui biglietti del cinema, sulle confezioni della pasta o durante le partite sportive, ma cosa sappiamo davvero sul suo conto?

ANCHE BRUNORI TRA I CANTANTI PIÙ IMPEGNATI SUI SOCIAL.
 
 
brunori
 
 
Il nostro paese oggi si trova di fronte a una delle sfide più difficili da superare a partire dal secondo dopoguerra.

                                                                                elodie 1se

Andromeda era figlia di Cefeo, re d’Etiopia, e dell’arrogante e vanitosa Cassiopea. Un giorno, per spudorata vanità, Cassiopea sostenne che la sua unica figlia fosse più bella delle Nereidi.

POESICA: poesia e canzone, espressioni coincidenti?

sappho and alcaeus 18811

Già da tempo è sorto un interessante dibattito tra scrittori, poeti e musicisti: ci si chiede, infatti, se la canzone sia anche poesia. È qui che si intravedono gli orizzonti di due opinioni differenti, oscillanti tra chi ritiene che è possibile individuare la canzone nel filone della poesia e chi, invece, afferma il contrario.

IL SENSO DI UN VIAGGIO NEI LUOGHI REMOTI ED ESTREMI DELL'ANIMO UMANO

 

medea                                                                   

                                                                   L’atteso non si compie, all’inatteso un dio apre una via

                                                                                                                                             Euripide

                                                                                                    Erano spine che entravano nell'anima
                                                                                                                                  e diventavano fiori.
                                                                                                                                           Alda Merini

                                                                                                                               …Sciarade infinite,

                                                                                                                                       infiniti enigmi, 

                                                                                                                 una così devastante arsura,

                                                                                                                        un tremito da far paura

                                                                                                                            che mi abita il cuore 

                                                                                                                                         Alda Merini

Le cerulee Rupi Simplegadi sono l’essenza di una vicenda narrata tra epica e tragedia lungo il filo dipanato dal Mito e, poi, tessuto da una composizione registica, ispirata dal destino di una donna, che è “nome parlante”, personaggio fatale per le sorti di uomini ed eventi. 

NOTTE NAZIONALE DEI LICEI: ANCHE QUEST'ANNO UN SUCCESSO

pluto

 

Il 17 gennaio scorso, al Liceo Classico B. Telesio di Cosenza, si è svolta la sesta edizione della Notte Nazionale dei Licei Classici.

six

Nel luglio del 2017, la società teatrale dell'università di Cambridge ha per la prima volta messo in scena il musical Six. Scritto da altri due studenti di Cambridge per non pagare i diritti di musical già esistenti e per evitare di studiare per i loro esami finali, questo musical è il più recente di un sottogenere interessante: musical a sfondo storico con stili di musica piuttosto moderni. 

 

Rap 76194 

La letteratura, come qualsiasi altra espressione artistica, è in continua evoluzione. E’ impensabile considerarla qualcosa di statico, essa si evolve con la società di cui è espressione.