testata grande2

Attualità

AU FIL DE L'EAU/ SUL FILO DELL'ACQUA

erasmus

 

ITALIANO

Nelle giornate dal 29 marzo al 5 aprile, i ragazzi del Liceo classico europeo Bernardino Telesio di Cosenza hanno aperto le porte a 28 ragazzi francesi. Ciò è stato possibile in quanto il nostro liceo si è impegnato nella realizzazione di un progetto di scambio Erasmus in collaborazione con il liceo Georges Colomb di Lure, Francia. Incentrato sulla tematica dell’acqua, il progetto “Au fil de l’eauprevede un sano e reciproco scambio culturale in modo da avvicinare due realtà e comprenderne differenze e analogie. 

Il soggiorno in Calabria è stato organizzato dai professori del nostro liceo, in particolare dai professori Maria Rosa Tassone, Alexandra Imparato, Teresa Romano, Rosanna Tedesco e Giuliano Lanzillotta, che hanno redatto un interessante itinerario per gli ospiti francesi alla scoperta dei posti più belli della nostra regione, alternando i momenti di didattica a quelli di visita non solo di Cosenza ma di tutte le province calabresi.

Seguendo il filo comune dell’acqua, i ragazzi sono stati portati nei meravigliosi borghi di Chianalea di Scilla, non prima di aver visitato le terrazze sul mare a Monte Sant’Elia di Palmi, per trascorrere un meravigliosa domenica in uno dei luoghi più affascinanti della costa calabrese. Nello stesso pomeriggio l’intero gruppo è stato portato a Reggio Calabria per un’interessante visita al “Museo Nazionale della Magna Grecia” dove si ha avuto la possibilità di ammirare i preziosi Bronzi di Riace. Il lunedì successivo, muniti di attrezzature, il gruppo ha trascorso un’intensa giornata all’insegna dello sport praticando rafting sul fiume Lao. L’ultima uscita si è svolta nella giornata di mercoledì e, come meta, è stata scelta la cittadina di Crotone. Dopo aver visitato il castello normanno di Santa Severina, i professori hanno organizzato una caccia al tesoro per gli alunni alla scoperta del centro storico di Crotone. La giornata si è conclusa con il tour di Le Castella e della Fortezza sul mare.

Nella giornata di sabato e martedì, i ragazzi e i loro corrispondenti hanno seguito, come d’orario, i corsi previsti. Nelle due giornate sono stati organizzati degli incontri che hanno dato agli studenti sia francesi che italiani la possibilità di presentare i progetti e i lavori svolti per l’occasione. È stato per tutti un modo per creare un legame tra la protagonista del nostro Erasmus, l’acqua, e gli interessi di ognuno: l’acqua nella musica, negli sport, nell’arte e nei laboratori. 

L’ultimo giorno, gli studenti francesi si sono addentrati nella storia della nostra cittadina, visitando i luoghi che conservano la cultura di Cosenza. Proprio in questa occasione il sindaco di Cosenza ha deciso di porgere un saluto ai professori e liceali francesi. 

Questo fantastico scambio si è concluso all’interno delle mura del liceo dove il preside Antonio Iaconianni ha organizzato una cena con tutte le famiglie, gli studenti e i professori coinvolti. Tra le note della celebre “La vie en rose” e le lacrime, i ragazzi si sono scambiati gli ultimi saluti prima della partenza. L’esperienza si è rilevata essere una tra le più produttive e positive: sin da subito gli studenti di entrambe le scuole hanno formato un gruppo compatto e collaborativo. 

Ogni telesiano ha salutato il proprio corrispondente con la certezza di aver un nuovo amico ma soprattutto con la consapevolezza che non si trattava di un addio ma di un arrivederci.

                                                                                                                                                                                    LORENA GULLONE, IV A EU

ENGLISH

Everyone knows how beautiful  it is to travel all around the world discovering different realities. In particular, we'd like to underline the importance of an exchange trip for teenagers during their high school life period. 

In fact, many European schools give the opportunity to their students to participate to an ERASMUS project, which consists in some meetings based on innovative and creative activities between different  students who have to host their own correspondent for a week and after a few months the same students, in turn, have to be hosted by their correspondent for a week, too, so as to develop important skills learning the value of working together cooperating with each other. 

Our Liceo Classico Bernardino Telesio has been organizing many meetings with schools of some European countries such as Lithuania, Turkey and Greece. 

One of the last ERASMUS projects, called "Au Fil De L'eau", which literally means “As the water flows”, was in April, when we had the great opportunity to host some French Students of Lycée de Lure en Franche-Comté 

FIRST DAY - FRIDAY 

Initially, after a long wait, we finally met and hosted friendly our "petit correspondants", giving them all the time to settle in their new house. 

We were all so excited to meet them that we spent part of the evening talking to each other  and forgetting how much tired we all were. 

SECOND DAY - SATURDAY 

In the morning we went to school with our new French friends and we did some icebreaking activities in order to have a chance to know each other. 

We introduced our school and country in our great library, talking about the most important point of our project: the water. Some of our classmates also helped us taking pictures of the sea, writing poetries about water and other many nice works to show to our French friends . 

We took part in a cultural seminary about immigration and the problems connected to the reality of accommodation and professional education of the immigrants people. 

 When school was over we lunched together and spent our free time going out and showing them some of "teenagers' usual places to stay in" Cosenza during our free time. 

THIRD DAY- SUNDAY 

All the students and teachers met and went to visit the mountain of Sant'Elia. 

Then, we went to Scilla and Chianalea seeing one of the most wonderful landscapes of Calabria. 

Next, we continued our trip going to Reggio Calabria and visiting the National Archaeological Museum. 

We had fun walking through the beautiful streets near the sea. 

In the evening we came back home, tired but very happy for the sunny day spent together. 

 

FOURTH DAY- MONDAY 

We were all ready to try one of the most exciting experience: rafting on Lao river. We had lots of fun although water was very cold! In the afternoon we visited the historic center of Laino Borgo. In the evening we came back home and sharing our free time together. 

FIFTH DAY- TUESDAY 

All the students and teachers met in the school library, where our French guests introduced their school and town. 

They also illustrated their topical dishes and let us taste some of the most renowned cheeses. 

Then, French teachers and students discovered the historical centre of Cosenza guided by some of Liceo Telesio's pupils. 

 After lunch, we visited Palazzo Arnone and the Multimedial Museum of Villa Rendano.  In the evening we had free time. 

SIXTH DAY- WEDNESDAY 

In the morning all of us met and went together to our first destination: Santa Severina. 

We visited the castle and then we went to the historical centre of Crotone seeing the Villa of Pitagora. 

In the afternoon we saw the city of Le Castella learning about its history and next, after a delicious ice cream, we admired how local people work ceramics there. 

In the evening we came back to Cosenza. 

SEVENTH DAY- THURSDAY 

In the morning there was a meeting with the Mayor and his municipal councilor at the education. 

We also presented our last works about water and discussed on how an important resource it is for our planet. 

Then, we presented our French guests to our Italian classmates having fun and spending an hour in our own classroom. 

 In the afternoon we stayed all together doing shopping and showing our city to the guests. 

In the evening students, teachers and parents met at Liceo Classico with our headmaster spending the lasts moments of socialization with the partners of the Erasmus project tasting typical dishes of Calabria, singing, dancing and taking 

 photos all the time. 

LAST DAY- FRIDAY 

In the morning we drove our guests to the bus and said them goodbye thanking them for all the precious moments we spent together. 

It was a howling experience by which we learned a lot discovering nice people who don’t speak Italian, so we had to do our best to understand each other and get to show them our culture and lifestyle and to know about theirs. 

We can't wait to see our French friends again, next year, and spend other great time together. 

                                                                                                                                                                                                      LAVINIA TATU, III E

 

FRANCAIS

 

Pendant cette année scolaire, les élèves du lycée classique européenne Bernardino Telesio, nous avons

participé au projet d'échange d'élèves "Erasmus Plus au fil de l'eau". Entre le 29 mars et le 5 avril nous avons eu l'opportunité d'accueillir pour une semaine des élèves français

du lycée Georges Colomb de Lure (France).

Nos "petits correspondants" sont arrivés le 29 mars 2019 en vivant avec nous une

expérience intéressante non seulement au niveau culturel mais aussi au niveau

humain. 

Ce projet nous a permis d'apprendre les meurs et les coutumes du pays d'accueil et il

a favorisé aussi la cohésion et la connaissance de l'Union Européenne auprès de la nouvelle génération. 

Nous les élèves, avec notre esprit d'aventure, nous avons accompagné nos jeunes visiteurs à

la découverte de notre terre et de nos traditions en favorisant les localités

maritimes et les sports nautiques tout en nous maintenant fidèles au thème clé de

notre expérience: l'eau. 

L'itinéraire culturel proposé a permis aux élèves 

français de visiter la Calabre en passant par les sculptures du musée de Reggio

Calabria aux étapes aventure: chasse au trésor dans la ville de Crotone,

rafting sur la rivière Lao.

L'expérience commune vécue à l'école c'était très stimulante mais c'étaient

Les moments vécus en famille à nous faire grandir.

C'était très intéressant partager tous ensemble moments de vie quotidienne où

nous avons découvert que les différences de l’autre ne nous font pas peur mais nous rendent meilleurs.

                                                                                                                                            EMILIA GAUDIO e MARIA VITTORIA SCARCELLO, II A EU

 

 

D8BC2CD4 0E1A 4D0F A4EA 248DA2F6A18B

L’ULTIMO MEETING IN LITUANIA DEL PROGETTO ERASMUS PLUS CREATIVE TEACHERS AND STUDENTS

Di seguito i due resoconti del meeting ad opera del prof. accompagnatore Dino Mancuso e della studentessa Mirella Pedretti, della 4E, che ha partecipato all’ ultima mobilità.

 

image.png

I nostri genitori aspettavano tutta una settimana per vedere il nuovo episodio di Happy Days, o magari di Goldrake. Tutta la settimana ad aspettare il seguito del loro telefilm preferito. “Telefilm” ovvero il primo nome delle serie TV. Ma se ci riflettiamo bene, forse anche l’espressione “serie TV” oggi appare inadeguata dl momento che e serie contemporanee hanno poco a che fare con la tv.

Una giornata all’insegna della cortesia e della solidarietà

 

telesiosolidale

Sabato 9 Febbraio si è riproposta, come ogni anno, la Giornata di raccolta del farmaco e così in alcune farmacie d'Italia si è tenuto il banco farmaceutico, per aiutare le persone bisognose.

L’INCONTRO TRA LA PITTURA DI GIACOMO VERCILLO E GLI ALUNNI TELESIANI NELL’ECO SUGGESTIVA DELL’ENEIDE. 

C6031A03 9A7A 47D0 A74D 4E34504406D4

Il 28 Dicembre 2018 il Museo dei Brettii e degli Enotri ha ospitato la mostra del pittore cosentino Giacomo Vercillo, dedicata alla raffigurazione di scene tratte dal celebre poema epico, 

COSA SI NASCONDE DIETRO L'INDUSTRIA CHE SOLLETICA LA NOSTRA VANITA'?

moda

In ogni momento comunichiamo qualcosa attraverso il nostro modo di vestire, siamo un manifesto vivente. Impressionare, attrarre, protestare, rivelare: sono le dichiarazioni che urliamo al mondo modellando la nostra immagine con versatili combinazioni di tessuti e colori.

PENSIERI INTORNO ALLA VICENDA DEL QUATTORDICENNE DEL MALI, RACCONTATA DA CRISTINA CATTANEO, ANATOMOPATOLOGA CHE NE HA SVELATO UN TOCCANTE DETTAGLIO.

La vignetta di Makkox sul migrante ragazzino e la sua pagella

Nel tristemente famoso naufragio  dell’aprile 2015, nelle acque di Lampedusa,  un ragazzo, emigrato dal Mali, è annegato in mare portando con sé solo una pagella con tutti voti alti.

Probabilmente, nelle intenzioni del ragazzo, quella pagella doveva essere la sua chiave d’ingresso per l’Europa, il lasciapassare che gli avrebbe consentito di essere accettato come una persona seria, valida. Ma quel bambino, come molti altri, sulle coste del nostro continente, che rappresentava la salvezza, non è mai riuscito ad arrivare.

C’è sempre un prima e un dopo nelle storie di chi, costretto ad abbandonare la sua casa e tutti i suoi affetti, si porta dietro un oggetto, un segno che possa rammentargli la sua storia e ne tuteli l’identità: una foto, una manciata della propria terra, l’indumento preferito… Sul mare di Lampedusa spesso tutte queste storie negate galleggiano. Galleggia anche la pagella di questo ragazzo, una pagella che forse voleva dire al mondo: “Prendetemi con voi!  Studio e sono bravo”.

Quel ragazzo non è riuscito a dircelo. Chissà che cosa sarebbe diventato! Un medico, un professore, un poeta… Com’è profondo il mare e in quale abisso sono precipitate  le coscienze di chi non alza un dito davanti a queste stragi!

Il bambino voleva testimoniare di essere all’altezza del posto che lo avrebbe accolto, ma non poteva sapere e non saprà mai che forse il posto che avrebbe dovuto accoglierlo non era all’altezza sua.

Perché non facciamo il possibile per accogliere chi fugge dalle guerre, arricchendo così le nostre comunità con uomini nuovi che non potranno che regalarci forza e intelligenza?

“Non riusciamo a garantire istruzione e lavoro ai nostri giovani, perché farlo  per altri?” Questa probabilmente sarebbe la risposta di tanti alla nostra domanda...

Ma la verità è che in Italia cultura e ricerca sono sempre più trascurate nel progettare il nostro futuro. Che tristezza! Non è il ragazzo del Mali a doverci mostrare la pagella: siamo noi quelli che probabilmente non supereremmo l’esame di coscienza.

                                                                  EVA CONTE, III E

MANIFESTAZIONE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

donna

Qualche secolo fa un certo Johann Wolfgang Von Goethe disse che "Chi è nell'errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza."                                                     

E oggi, nonostante sia passato così tanto tempo, sfortunatamente non è cambiato nulla.

isparta5
 
IL RESOCONTO DI UNA STUDENTESSA
 
Frequento il quarto anno del liceo Classico “Bernardino Τelesio” di Cosenza, indirizzo Europeo.
Dal 4 al 10 novembre ho partecipato al quarto meeting studentesco del progetto Erasmus Plus “Creative teachers and students” coordinato dalla prof.ssa Catia Mele,

ERASMUS + AU FIL DE L'EAU -COSENZA/ LURE

Mar mediterraneo 01

Il Mediterraneo è un mare chiuso collocato tra Europa, Africa e Asia che unisce da secoli miliardi di persone, ed è tradizionalmente reputato la culla della civiltà orientale già a partire dal mondo antico. L’origine del termine Mediterraneo (in mezzo alle terre), evoca la sua posizione intermedia,